Museo Nazionale di Arte della Catalogna | Funicolare di Barcelona

A causa della proclamazione dello sciopero di venerdì 24 maggio, la Telefèric de Montjuïc presterà il servizio  dalle 11.00 alle 15.00.

  • Home
  • Museo Nazionale di Arte della Catalogna

Museo Nazionale di Arte della Catalogna

Una collezione di pezzi unici dell’arte catalana

Hola Barcelona, your travel solution

Il Museo Nazionale di Arte della Catalogna spicca per la sua collezione d’arte romanica, considerata una delle più complete al mondo. Ha anche preziosi pezzi d’arte appartenenti al Gotico, al Rinascimento, al Barocco e all’arte moderna.

Perché visitare il Museo Nazionale di Arte della Catalogna?

Il Museo Nazionale di Arte della Catalogna, che si trova nel Palazzo Nazionale di Montjuïc, ospita fino a 25.000 pezzi delle collezioni che vanno dall’arte romanica e gotica fino all’arte moderna, attraverso il Rinascimento e il Barocco. Vi troviamo anche esempi di disegni, incisioni e manifesti, di fotografia e numismatica.

La sua collezione romanica, che comprende pezzi dall’XI al XIII secolo, è la più importante del museo. Spicca l’imponente serie di pitture murali, gran parte della quale proviene da piccole chiese rurali dei Pirenei. Tra queste, è da sottolineare il famoso "Pantocratore" o "Cristo in Maestà", capolavoro del XII secolo, che si trovava nell’abside di Sant Climent de Taüll. All’interno di questa collezione va menzionato l’insieme di dipinti su legno, unico in Europa.

La collezione di arte gotica, che comprende il periodo che si estende tra la fine del XII fino al XV secolo, mostra la pienezza e il picco dell’espansione territoriale catalana nell’Europa mediterranea dell’epoca. Si possono ammirare i capolavori dei pittori Jaume Huguet, Lluís Dalmau, Lluís Borrassà e Bernat Martorell, tra gli altri.

L’arte rinascimentale e barocca è rappresentata principalmente da opere che provengono dalla collezione privata del politico e mecenate catalano Francesc Cambó. Sono pezzi del "Quattrocento" italiano e dei maestri del "Cinquecento" come Sebastiano del Piombo o Tiziano, e anche di pittura spagnola, che abbraccia dal Secolo d’Oro fino al Rococò. Fuori dall’eredità di Cambó spiccano un "Martirio di San Bartolomeo" di Ribera, una "Immacolata" di Zurbarán e un "San Paolo" di Velázquez.

La collezione d’arte moderna del Museo Nazionale di Arte della Catalogna nasce dall’Esposizione Universale del 1888 e oggi riunisce una raccolta della migliore arte catalana del principio del XIX secolo fino agli anni 40 del XX secolo. Il percorso inizia con il Neoclassicismo e continua con il Romanticismo e il Realismo fino a raggiungere il Modernismo catalano.

In questa collezione spiccano dipinti come "La vicaria" di Marià Fortuny, insieme a opere di altri artisti rappresentativi del Modernismo catalano come Antoni Gaudí o Ramon Casas e delle avanguardie, come Picasso e Miró. Inoltre, il museo accoglie alcune eccezionali raccolte di interior design provenienti dalle case Amatller, Lleó i Morera e Batlló.

Anche l’edificio sede del Museo Nazionale di Arte della Catalogna ha il suo interesse artistico e architettonico. È il Palazzo Nazionale di Montjuïc, che è stato inaugurato in occasione dell’Esposizione Universale del 1929. È un edificio in stile classicista che si estende su una superficie di quasi 50.000 m². Si distingue per la sua facciata, che è coronata da una grande cupola e ispirata a quella di San Pietro al Vaticano. La vista che offre dal cortile anteriore è tra le più eccezionali della città. Questo palazzo ospita il museo dal 1934, anche se in principio la collezione era limitata all’arte medievale, e fu solo più tardi che venne estesa ad altri periodi.

 

Per i più curiosi

  • Sapevi che: Dal 2004 il museo ospita anche una collezione di dipinti e sculture della Collezione Thyssen-Bornemisza. Fra questi troviamo opere di Marià Fortuny, Ramon Casas e Antoni Tàpies.
  • Consiglio del barcellonese: Il Museo Nazionale di Arte della Catalogna organizza mostre temporanee che vanno oltre il tema principale del museo.
  • Imprescindibile per: Godere di una delle migliori esposizioni di arte romanica.